“Un esordio illuminante!”: il generale (ris.) Silvio Ghiselli a Roma porta al Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri una conferenza sulla prima campagna d’Italia di Napoleone per l’associazione “Napoleone e Elisa”

L’associazione “Napoleone e Elisa” a Roma con il generale (ris.) Silvio Ghiselli per parlare di Napoleone. Ghiselli, che da qualche anno contribuisce all’attività di ricerca dell’associazione presieduta da Roberta Martinelli approfondendo gli aspetti militari legati ai napoleonidi e all’Imperatore in particolare, porta a Roma la conferenza dal titolo “Un esordio illuminante! La prima Campagna d’Italia di Napoleone 1796-1797”, giovedì 30 maggio 2019 alle 17,30 al Museo Storico dell’Arma dei Carabinieri (piazza del Risorgimento, 46 – 00192 Roma).

A partire dal 2017 infatti, Silvio Ghiselli insieme al colonnello (ris.) Vittorio Lino Biondi hanno dato vita ad una sezione di “Storia Militare” tra le attività di studio condotte dall’associazione all’interno del progetto “Da Parigi alla Toscana: il gusto di vivere al tempo di Napoleone e Elisa”. Quello di giovedì è l’incontro dedicato a Napoleone e alla prima Campagna d’Italia che fu presentato a Lucca proprio nel 2017 e rientra nelle iniziative che l’associazione pone in essere in collaborazione con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

“…nelle più fertili pianure della Terra! Provincie ricche, città opulente cadranno in vostro potere… vi lascerete mancare il coraggio e la perseveranza?” (Napoleone – Correspondance Vol.I). Così Napoleone si rivolgeva a quell’Armata d’Italia che trovò sulle Alpi raffazzonata, disordinata e demotivata, ma che riuscì comunque a condurre alla conquista del Paese.

La risposta di quei soldati – spiega il generale Ghiselli – è illustrata nella relazione e nelle bellissime immagini con cui presenteremo la campagna d’Italia che, condotta da un giovane generale francese di 27 anni, Napoleone Bonaparte, sarà decisiva anche per l’assetto del nostro Paese. Potremo vedere immagini, ricostruzioni e documenti di un anno, il 1796-1797, che sarà determinante nella Storia francese, italiana e europea. E potremo conoscere la descrizione degli aspetti umani, politici e militari che caratterizzeranno Napoleone alla guida dell’Armata, nonché evidenziare l’andamento della prima campagna  d’Italia, che si chiude con il trattato di Campoformio, quando Napoleone Bonaparte era giunto ormai in prossimità di Vienna. Non solo politica: nell’incontro conosceremo anche l’emozionante vicenda di un soldato accompagnato da una donna, Giuseppina, legata a lui da sentimenti che, pur altalenanti, rimarranno sempre immanenti e ricambiati”.

 

Il progetto “Da Parigi alla Toscana: il gusto di vivere al tempo di Napoleone e Elisa” (https://napoleoneeilsuotempo.wordpress.com) è nato nel 2007 sulla scia del rinnovato interesse verso il periodo napoleonico lucchese e toscano, stimolato dalle mostre e dal lavoro realizzati a partire dal 2002 dalla dottoressa Roberta Martinelli a Palazzo Ducale, e comprende iniziative che si svolgono durante tutto l’anno in diversi luoghi della Toscana (Lucca, Livorno, Elba).

In questi anni ha preso vita una lunga collezione di eventi, tra cui si ricorda la mostra che Roberta Martinelli e Velia Gini Bartoli hanno curato ed allestito al Musée de l’Armée di Parigi, dal titolo “Avec Armes et bagages. Dans un mouchoir de poche” (26 ottobre 2012 – 13 gennaio 2013; 238 oggetti esposti, con la partecipazione di 25 soggetti tra musei, biblioteche internazionali e raccolte private), nata in seguito alla mostra “Mito e Bellezza” (Lucca, 2009-2010), e che ha ispirato un nuovo filone di studi internazionali sul rapporto tra l’Imperatore e il costume.

Grazie agli studi inediti condotti in archivi italiani e francesi, recentemente è stato riportato all’aspetto originario il Palazzo dei Mulini di Portoferraio, reggia imperiale di Napoleone all’isola d’Elba, nella suddivisione degli spazi e nelle facciate che egli aveva voluto. L’intervento è oggetto del volume di Roberta Martinelli e Velia Gini Bartoli “Napoleone Imperatore, imprenditore e direttore dei lavori all’Isola d’Elba”, Gangemi 2014.

È stata presentata nel maggio 2015 all’Archivio di Stato di Lucca una preziosa scoperta tutta toscana: la cravate che l’Imperatore lasciò all’Elba, sul suo cuscino, la notte della fuga, mentre nel 2017 l’associazione ha presentato al pubblico due frammenti di tessuto ricamato del tempo di Elisa e Napoleone, di committenza principesca. Sempre del 2017 la collaborazione con il Centro studi Luigi Boccherini per un omaggio al musicista lucchese e alla sua musica per il ballo del Fandango, e la tavola rotonda in preparazione del VII Forum Consultivo degli Itinerari Culturali del Consiglio D’Europa “I Bonaparte a Lucca e in Toscana: i percorsi napoleonici fra storia, turismo ed enologia”.
Nel 2018 l’associazione ha approfondito gli aspetti legati al costume e all’etichetta nelle feste e nei balli di corte, partecipando alla manifestazione “Il Desco” ed avviando anche una collaborazione con la Fondazione Carnevale di Viareggio.

Annunci

Un’Armata alla scoperta di una civiltà. Martedì 9 ottobre alle 18 in auditorium del Palazzo delle Esposizioni la conferenza del generale Silvio Ghiselli sulla campagna d’Egitto di Napoleone Bonaparte

“Un’Armata alla scoperta di una civiltà. La campagna d’Egitto di Napoleone Bonaparte”. Dopo il successo di partecipazione dello scorso anno, il generale Silvio Ghiselli torna con un’altra conferenza di ambito storico militare. Appuntamento martedì 9 ottobre alle 18 nell’auditorium del Palazzo delle Esposizioni (della Fondazione Banca del Monte di Lucca), a ingresso libero, grazie all’organizzazione dall’associazione “Napoleone ed Elisa: da Parigi alla Toscana” e in collaborazione con il CISCU – Centro Internazionale per lo Studio delle Cerchia Urbane.

La relazione, che segue quella sulla Prima Campagna d’Italia, è curata proprio dalla sezione di Storia militare dell’associazione, costituita nel 2017.  “In Egitto l’Armata d’Oriente guidata da Napoleone Bonaparte non solo tese a conseguire obiettivi politici e militari, ma svolse anche un prezioso lavoro scientifico che contribuì in modo determinante agli studi e alla conoscenza dell’egittologia ed influenzò la società francese ed europea tra il Settecento e l’Ottocento”, anticipa il generale Silvio Ghiselli.

Avremo quindi modo di vedere le vicende politico-militari di questa impresa, in cui l’Armata francese operò in un teatro operativo completamente diverso da quello europeo, caratterizzato da vasti deserti e temperature torride, gli obiettivi strategici da perseguire, le tattiche adottate e le problematiche logistiche affrontate. Ma accanto a questi aspetti sarà esaminata anche l’infaticabile opera dei circa 150 scienziati che, partecipando a questa spedizione, effettuarono epocali scoperte archeologiche, accurate ricerche geologiche e approfonditi studi di zoologia e botanica”.

Nella relazione, il generale Ghiselli si avvale della collaborazione di Vittorio Lino Biondi.

Info su www.ciscu.eu, www.napoleoneparigitoscana.it, www.napoleoneeilsuotempo.wordpress.com