La tavola di Elisa:  cucina, etichetta e cuochi alla corte della Principessa. Venerdì 30 novembre 2018, alle 12 al Real Collegio (sala dell’Avena) all’interno del programma de “Il Desco” – INGRESSO LIBERO

La tavola di Elisa: cucina, etichetta e cuochi alla corte della Principessa. Venerdì 30 novembre 2018, alle 12 al Real Collegio (sala dell’Avena) all’interno del programma de “Il Desco” – INGRESSO LIBERO

Uno scatto dalla mostra “La tavola di Elisa”, tenutasi a Palazzo Ducale nel 2002

“La tavola di Elisa” è l’incontro aperto al pubblico che l’associazione “Napoleone ed Elisa: da Parigi alla Toscana” in collaborazione con la Fondazione Carnevale di Viareggio organizza all’interno della 14ma edizione de “Il Desco”, venerdì 30 novembre alle 12 al Real Collegio di Lucca (sala dell’Avena), proprio nel giorno di apertura della manifestazione.

Nell’ambito delle innovazioni apportate in città dalla principessa Elisa Bonaparte Baciocchi sin dal suo arrivo il 14 luglio 1805 vi fu anche quella, profonda e rilevante, nei costumi. Secondo il principio del fratello Napoleone del “tout comme à Paris”, anche la neonata corte lucchese dovette conformarsi all’etichetta voluta dall’Imperatore.

La vita sociale che si sviluppava nelle sale delle feste, a teatro o ai bordi di un buffet necessitava di una tavola da condividere per potersi esprimere: divennero così di importanza centrale la cucina e l’arte del ricevimento. Dietro ad esse c’era una serie di innovazioni che partiva dagli sviluppi della scienza, della botanica e della chimica per arrivare ai cambiamenti nel costume, ed ebbe come conseguenza la nascita dei ristoranti dove fare cultura attraverso il cibo e di una nuova “mitologia” culinaria che per la prima volta assegnava un olimpo ai cuochi, primo fra tutti il grande chef Marie Antoine Carême.

A raccontare questa storia così vicina a noi nel tempo e nello spazio interverranno Roberta Martinelli e Simonetta Giurlani Pardini. Parleranno anche dell’allestimento della tavola e del passaggio dal “servizio alla francese” al “servizio alla russa”, specchio della società moderna e dei suoi bisogni sociali, oltre che dell’antesignano della Guida Michelin, l’inventore del giornalismo gastronomico Grimod de la Reynière.

Anche questo incontro offre con taglio divulgativo contenuti scientificamente rigorosi frutto di studi condotti negli Archivi storici italiani e francesi, nell’ambito del progetto pluriennale “Da Parigi a Lucca: il gusto di vivere al tempo di Napoleone e Elisa”, sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca.

Info su https://napoleoneeilsuotempo.wordpress.com, www.facebook.com/napoleonidi, www.ildesco.eu.

Annunci
“Il Naso e la Storia”, a Palazzo Ducale giovedì 7 dicembre ore 17,30 – INGRESSO LIBERO

“Il Naso e la Storia”, a Palazzo Ducale giovedì 7 dicembre ore 17,30 – INGRESSO LIBERO

Con “Il Naso e la Storia” si aprono al pubblico le sale di Palazzo Ducale che furono il teatro di Elisa, dal 7 dicembre accessibili grazie alle iniziative del progetto “Da Parigi a Lucca: il gusto di vivere al tempo di Napoleone e Elisa”
Appuntamento giovedì 7 dicembre ore 17,30 a Palazzo Ducale, sale monumentali
Ingresso libero

Il Naso e la Storia. Conoscere le vicende storiche di Elisa e Maria Luisa attraverso l’olfatto. Giovedì 7 dicembre alle 17,30 a Palazzo Ducale si terrà l’inaugurazione delle sale che la Provincia di Lucca dedica al gusto di vivere al tempo di Napoleone e Elisa, ma anche di Maria Luisa di Borbone, per far immergere i visitatori del palazzo in quella che fu l’atmosfera del periodo in cui le due donne si avvicendarono al potere della città, in un arco temporale che va dal 1805 al 1824. L’ideatrice, Simonetta Giurlani Pardini, propone infatti con una istallazione di far vivere ai visitatori una esperienza singolare: entrare nella storia e nelle vicende private di queste due sovrane attraverso l’olfatto.

La cerimonia è prevista al Palazzo Ducale, oggi sede della Provincia di Lucca, negli ambienti che furono del Teatro di Elisa. Le sale sono infatti state affidate all’associazione “Napoleone e Elisa: da Parigi alla Toscana”, per valorizzarle e per aprirle per la prima volta al pubblico attraverso le iniziative relative al progetto “Da Parigi a Lucca: il gusto di vivere al tempo di Napoleone e Elisa”, realizzato in questi anni grazie al contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e della Fondazione Livorno.

Dopo il saluto delle autorità, si inaugurerà il percorso olfattivo “Il Naso e la Storia”, dislocato in 4 stanze, dove suggestioni olfattive, oggetti e descrizioni faranno apprezzare i profumi inspirati ed espirati dalle due famose donne, conoscendone così la storia. Nelle altre due stanze sarà invece accessibile una biblioteca “napoleonica”: una raccolta specialistica dedicata ai Napoleonidi che l’associazione metterà a disposizione di studiosi e interessati.

Sabato 9 dicembre alle 11,30 in San Franceschetto proiezione del documentario “Memorie di una regina”, realizzato da InfinityBlue

 

Ingresso libero. Info su https://napoleoneeilsuotempo.wordpress.com e su www.facebook.com/napoleonidi