Erano tre sorelle, di Orlando Forioso. Il 31 agosto 2021 in scena il poker di donne della Famiglia Bonaparte

Uno spettacolo teatrale sulle sorelle di Napoleone anima il programma di iniziative dell’associazione Napoleone ed Elisa, in occasione del bicentenario napoleonico e nel calendario “Vivi Lucca”

Appuntamento martedì 31 agosto 2021 alle 21,30 al Real Collegio (Lucca, accesso da via della Cavallerizza) Ingresso libero, posti limitati

“Erano tre sorelle”: un altro spettacolo teatrale anima il calendario 2021 degli eventi dell’associazione “Napoleone ed Elisa: da Parigi alla Toscana”. In occasione del bicentenario napoleonico, infatti, all’interno del calendario “Vivi Lucca” del Comune di Lucca,con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Lucca e in collaborazione con Le Souvenir Napoléonien, associazione internazionale di cui Martinelli è corrispondente per la Toscana occidentale, questa pièce dedicata alle sorelle Bonaparte è il secondo spettacolo della “stagione” dell’associazione, sempre alla scoperta della Storia, dei costumi, delle caratteristiche di un’epoca e di una famiglia attraverso iniziative di divulgazione che sempre rispettano il rigore storico scientifico dei contenuti.

Martedì 31 agosto 2021 alle 21,30 nel chiostro di Santa Caterina al Real Collegio di Lucca (Lucca, ingresso da via della Cavallerizza) in scena ”Erano tre sorelle”, per la regia di Orlando Forioso, spettacolo che fa parte della saga teatrale a episodi scritta dallo stesso regista, dal titolo “Les Bonapartes. Una famille corse”, ideata e realizzata per far conoscere le dinamiche e i meccanismi di una famiglia corsa, di una famiglia mediterranea, della famiglia di Napoleone.

Lo spettacolo, una produzione TeatrEuropa di Corsica con il sostegno della Collectivité de Corse, in co-produzione con il Comune di Ajaccio, con il Museo nazionale «Maison Bonaparte – Ajaccio» e con le «SCN Musée Malmaison – Paris», va in scena a Lucca dopo le serate napoleoniche che si tengono il 23, 24 e 25 agosto sempre al Real Collegio, aperte da un’altra pièce firmata Forioso: “La casa di Letizia”.

Sul palco il 31 agosto ci sono Laetitia Damiani nei panni di Carolina Bonaparte Murat, Marie-Paule Franceschetti in quelli di Letizia Ramolino Bonaparte, Maryline Leonetti di Elisa Bonaparte Baciocchi e Francine Massiani in quelli di Paolina Bonaparte Borghese. Lo spettacolo è recitato in lingua italiana.

Eccolo in scena il poker di donne della Famiglia Bonaparte: le tre sorelle e la madre. Madame Mère e Paolina stanno tornando da Parigi, dove il primogenito di Napoleone e di Maria Luisa d’Austria è stato battezzato. A Firenze le attende Elisa, la Granduchessa di Toscana, l’unica delle sorelle che ha la fiducia dell’imperatore, tanto da avere a lei sola la gestione di uno Stato. Ma Elisa ha perso da qualche mese il figlio e Napoleone, molto superstizioso, non l’ha invitata al battesimo. Paolina, la sorella amata dall’Imperatore, se ne ride di tutto e di tutti. La sorpresa è l’arrivo di Carolina, l’ultima sorella, ora Regina di Napoli. Nemmeno lei è andata a Parigi, ma per altri motivi. Le tre sorelle giocano di fioretto, piccole stoccate, ma Carolina è stanca di questa calma di facciata e scatena le altre, l’una contro l’altra. Finalmente si possono parlare come quando erano ragazze, ad Ajaccio. Attraverso i loro litigi la Storia entra in scena. Quella di Francia, e quella della famiglia corsa.

Ingresso libero soggetto alle normative anticontagio in vigore e fino ad esaurimento dei posti disponibili. Accesso da via della Cavallerizza.

Info su https://napoleoneeilsuotempo.wordpress.com e su www.facebook.com/napoleonidi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.