La porta della Granduchessa

In seguito alla nomina di Elisa a Granduchessa di Toscana, le modifiche alla pianta urbana di Lucca raggiunsero il culmine con l’apertura di Porta Elisa.

La porta è collocata nel lato est della cinta muraria, modellata come un arco di trionfo e costruita con i marmi provvenienti dalla chiesa di San Pier Maggiore che fu demolita in seguito all’apertura di Piazza Napoleone.

Porta Elisa

Porta Elisa

I due passaggi laterali risalgono al 1937.

Città di Lucca - particolare. Archivio di Stato di Lucca, Catasto Nuovo Pelosi

Città di Lucca – particolare.
Archivio di Stato di Lucca, Catasto Nuovo Pelosi

La nomina a Granduchessa fece si che la Principessa si trasferisse a Firenze, la porta infatti venne creata in funzione di un nuovo tracciato stradale che collegasse le due città. Inaugurata nel 1811 non raccolse grande entusiasmo, da molti fu considerata poco maestosa. Sicuramente essendo priva di un apparato difensivo fu una chiara prova del fatto che le Mura avevano perso la loro connotazione meramente difensiva.

Giardino di Palazzo Froussard Sodini- il muro di cinta

Giardino di Palazzo Froussard Sodini- il muro di cinta

La struttura emiciclica di Palazzo Froussard Sodini - particolare

La struttura emiciclica di Palazzo Froussard Sodini – particolare

Adiacente alla Porta, nella parte interna della cinta, venne realizzata la piazza con la volontà di creare un effetto scenico particolare a imitazione della Rue de Rivoli di Parigi, amplificato dalla struttura emiciclica di Palazzo Froussard, al tempo residenza del Segretario di Stato, Jean Baptiste Froussard, con il suo porticato che prosegue lineare con il Palazzo Matteucci, oggi sede delle Religiose della Visitazione di Santa Maria.

Giardino di Palazzo Froussard Sodini - parterre

Giardino di Palazzo Froussard Sodini – parterre

All’interno del Palazzo Froussard, oggi Sodini, si trova un meraviglioso esempio di giardino neoclassico delimitato da un alto muro di cinta. L’area a pianta triangolare nel corso del tempo subì diverse modifiche nel disegno delle aiuole, originariamente infatti i parterre avevano un andamento rettangolare con vialetti.

Attualmente il giardino è attraversato da un viale lungo il muro est, dal quale partono i percorsi secondari. Una zona di sosta, con vasca mistilinea, rappresenta il culmine dell’impianto.

Giardino di Palazzo Froussard Sodini - vialetto

Giardino di Palazzo Froussard Sodini – vialetto

Varie specie vegetali furono aggiunte nel corso degli anni. Oggi vi si trovano un cedro del Libano, due magnolie, un leccio e altre piante, cespugli e siepi. La parte finale del giardino si trova a una quota più elevata, con una serie di gradoni ai margini che colmano il dislivello, contornati da siepi di alloro.

Giardino di Palazzo Froussard Sodini - particolare

Giardino di Palazzo Froussard Sodini – particolare

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...