Il cartografo dell’Impero

Il generale Louis-Albert-Guislain Bacler d’Albe, barone dell’Impero nel 1810, fu uno dei più importanti strateghi di Napoleone sin dal 1793 nonché illustre cartografo e pittore di battaglia. In campo geografico è considerato uno dei più insigni cartografi del suo tempo. Messo a capo del Dépôt de la Guerre, che diventerà poi nel 1940 l’attuale Institut National de l’Information Géographique et Forestière, perfezionò la rappresentazione dei rilievi utilizzando i giochi d’ombre. Capace di sintetizzare tutte le informazioni geografiche e militari sulla carta, fu uno dei pochi a presiedere alle decisioni più importanti dell’Imperatore, pianificando i piani di battaglia e le marce, fino ad esser considerato la seconda persona più importante del quartier generale imperiale. Il suo nome è legato alla prima carta completa di tutta l’Italia in scala 1:256.000, disegnata su circa 56 fogli dal 1797 al 1802, e denominata Carte du théatre des campagnes de Bonaparte en ItalieAltra grande opera è la prima carta omogenea dell’Europa in scala 1:100.000, altresì detta Carte de l’Empereur, realizzata tra il 1809 e il 1812.

Bacler d’Albe uniformò la scienza cartografica francese, stabilì norme generali riguardo sistema metrico, catasto, altitudini e partecipò attivamente al movimento di professionalizzazione del mestiere di cartografo. Tanta fu la stima che l’imperatore ripose nel generale che, nel suo testamento, Napoleone raccomandò che per la formazione del figlio fossero usate le sue carte.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...